Site Overlay

Roberta Morzetti


Roberta Morzetti nasce a Tarquinia nel 1979.

Si forma all’Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo conseguendo, nell’anno 2005, il diploma accademico, con lode. Inizia le sue esperienze lavorative nel mondo della moda, ideando linee di abbigliamento con materiali riciclati. A Roma, diviene assistente ai costumi di Andrea Viotti, nella compagnia di Gabriele Lavia (“Le Nozze di Figaro”, regia di Matteo Tarasco, 2007, Teatro Eliseo; “Misura per Misura”, regia di Gabriele Lavia, 2007, Teatro Argentina), di Laura Costantini (per i musical “A un passo dal sogno”, 2008, “Portamitanterose.it”, 2009, regia di Marco Mattolini, Teatro Brancaccio; per il film “Non c’è due senza te”, regia di Massimo Cappelli, 2015), di Michela Marino (per il cortometraggio “Anni 30”, regia di Luciano Melchionna, 2008).

Dal 2012, si dedica all’ideazione e alla realizzazione di sculture di grandi dimensioni, eseguendo calchi direttamente sul proprio corpo, per poi rielaborare, incendiare ed assemblare con altri oggetti i lavori così ottenuti.

La produzione artistica di Roberta ci espone una manualità che trasforma la materia, per esprimere i suoi alti rapporti ideali, ma trascina sul fondo della pulsione artistica una funzione curativa, risarcitiva di un dolore che risulta una costante onnipresente; la prima spinta creativa è quindi il suo vissuto, i suoi ricordi, che vegliano costantemente sul processo di concepimento, in modo che vi sia simbiosi e sintesi tra la passione creatrice che necessita della materia trasformata ed i significati del lavoro completato che sono molteplici ed impregnati di valenze simboliche, con divinità ctonie onnipresenti sullo sfondo, anche se non visibili.

Roberta Morzetti realizza sculture bianche e/o nere realizzate in tecnica mista partendo dal negativo di calchi di corpi e/o oggetti lavorati con resina, fiamma ossidrica, acrilico, ferro e materiali vari. L’artista parte sempre da un concetto filosofico/estetico a cui inizialmente da forma disegnando una serie di bozzetti stilizzati che rappresentano lo scheletro di partenza dell’opera stessa.


Condividi :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.